4 kit prime cure

Nascere in Italia non è sempre sinonimo di garanzia di benessere e di prospettive sane di sviluppo: la crisi economica che ha toccato molte famiglie, la solitudine e la fragilità di alcuni contesti, possono pregiudicare il presente e il futuro di molti nuovi nati. Il progetto “Fiocchi in Ospedale” di Save the Children intende intercettare le situazioni più critiche fin dalla gravidanza, per poter tutelare il benessere dei bambini, con l’obiettivo di non lasciarne indietro nessuno. Attivo in diversi grandi ospedali in Italia, offre sostegno alle mamme in attesa, alle neomamme e alle famiglie in condizione di disagio socio-economico, per garantire il benessere del bambino sin dai primi giorni di vita. Bastano 40€ per garantire a quattro mamme che non possono acquistarlo un kit con il necessario per prendersi cura del proprio bambino appena nato. Prima di aggiungere il regalo al carrello, puoi inserire un messaggio personale, scegliere una creatività e decidere se inviarlo in formato digitale, come ecard, oppure come cartolina cartacea.
40,00 €
Incl. 0% tasse
  • La scelta più veloce ed ecologica!

  • Spediamo entro 5 giorni lavorativi, standard o con corriere

  • Vuoi fare una donazione?

La descrizione dell’aiuto fornito da Save the Children è esemplificativa. La donazione aiuterà tutti i bambini raggiunti dai programmi di Save the Children.

CAMBIAMO IL LORO FUTURO

Quando Fatchima è arrivata in ospedale aveva 14 mesi e pesava solo 5 chili, il peso che ci si aspetterebbe per un bimbo di 2 mesi. La bambina soffriva di grave malnutrizione e rischiava di non sopravvivere.

Grazie al lavoro dei medici del centro gestito da Save the Children in una sola settimana il suo peso è aumentato di oltre un chilo. Le cure ricevute le hanno salvato la vita. Oggi Fatchima è una bambina sorridente, e sua madre Maria è un supporto per le altre madri della comunità.

Nel mondo ogni 5 secondi muore un bambino sotto i 5 anni. La malnutrizione è la concausa di quasi la metà di queste morti.
Un bambino malnutrito è un bambino vulnerabile, che viene facilmente attaccato da infezioni e malattie. Un bambino malnutrito spesso non riesce a diventare un adulto.

Nel 2017 in Mozambico abbiamo accompagnato alle cliniche comunitarie 891 bambini affetti da malnutrizione e in India abbiamo visitato oltre 1.600 piccoli per l’identificazione dei casi di malnutrizione.

Nel 2017 abbiamo raggiunto 2,3 milioni beneficiari con i nostri programmi di salute e nutrizione.




Immagine esemplificativa

Benefici fiscali

Tutte le donazioni a Save the Children godono di benefici fiscali, devi solo scegliere se dedurre o detrarre l'importo donato.


Essendo Save the Children sia una ONG - Organizzazione Non Governativa riconosciuta idonea già ai sensi della legge n. 49 del 26/02/1987 – e della successiva L. 11 agosto 2014, n.125 – che una ONLUS - Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale ai sensi del D. Lgs. n. 460/97 - il privato o l'impresa che effettuano una donazione possono decidere liberamente il trattamento fiscale di cui beneficiare. A seconda della normativa applicata alla donazione, le agevolazioni previste sono infatti differenti e non sono cumulabili tra loro.

Per le donazioni effettuate da persone fisiche dal 1° gennaio 2018 sono previste due possibilità:

  • detrarre dall’imposta lorda il 30% dell’importo donato, fino ad un massimo di 30.000,00 euro annui;
  • oppure dedurre dal tuo reddito le donazioni per un importo non superiore al 10% del reddito complessivo dichiarato.

Se non sai qual è la soluzione più adatta a te, rivolgiti al tuo consulente di fiducia o al tuo CAF. Ti ricordiamo di conservare l'estratto conto della carta di credito (per donazioni con carta di credito), l'estratto conto del tuo conto corrente (bancario o postale) in caso di donazioni mediante bonifico, la ricevuta di versamento, nel caso di donazione con bollettino postale.

I nostri amici

Emilio Solfrizzi

Emilio Solfrizzi

Attore

E' ormai qualche anno che a Natale, in famiglia, i regali li scegliamo dalla Lista dei Desideri raccogliendo tra i nostri amici un grande entusiasmo. Un vero coro di consensi! Niente più imbarazzi, niente più ansie, niente più gare per vedere chi li fa più belli, intelligenti, costosi... INUTILI! Certo è una goccia nel mare, però cominciamo ad essere un bel gruppo a sostenere l'importanza di questa semplice, divertente, indispensabile iniziativa di Save the Children per tanti bambini nel mondo. Non tutti lo capiscono subito. Mio figlio piccolo è preoccupato: '…la vaccinazione me l'avete già regalata!!! Posso avere il costume di Spider man?'. Per lui c’è tempo...intanto adesso è qui accanto a me che si diverte a distribuire polli e zanzariere come se piovesse...e a domandarmi: '...come si fa a bere il latte in polvere?'. Buon Natale!
Paola Minaccioni

Paola Minaccioni

Attrice

Invece di fare i soliti regali il cui sottotesto è: 'Vabbeh, che ti dovevo regalare, la famiglia è grande siamo troppi! Me costa 'na fortuna sto Natale e poi diciamoci la verità, ci conosciamo poco, non ci vediamo mai. Poi, nun so se te ricordi che m'hai regalato tu l'anno scorso!!'

Evitiamo quei sorrisi imbarazzati quelle frasi : 'E' un pensierino' . Quando dicono così già sai che sarà orrendo lo butterai o lo regalerai a chi ti sta antipatico. Scegliendo un regalo nella Lista dei Desideri di Save the Children potrete dire: 'Non è un pensierino è un grande pensiero! Un pensierone'.

P.S. E se i vostri amici non apprezzeranno...cambiate amici. Quest'anno puntiamo al sodo, facciamo regali pieni di amore e altruismo!
Buon Natale a tutti! Che sia un buon Natale per TUTTI!

Giobbe Covatta

Giobbe Covatta

Attore

Per zia Maria, che abita al Vomero, 40 polli. Per zio Carlo, ingegnere idraulico, i filtri per l'acqua. Per mio cugino Luigi, candidato alle elezioni, un regalo di classe: uno yak! Quest'anno niente regali futili. Tu vuoi mettere uno yak? Un animale quasi indispensabile! Indispensabile per chi? Ma che domanda fessa! È logico! Per i bambini a cui si rivolgono i progetti di Save the Children che si possono sostenere acquistando i regali della lista dei desideri. Vai sul sito della Lista dei Desideri e scegli il regalo che ti piace di più. Babbo Natale lo tiene il sito? No!!! Vedi! Conviene la lista di Save the Children!
Caterina Balivo

Caterina Balivo

Conduttrice TV

Ogni anno a Natale le solite domande: che regalo faccio a mia madre? A mio padre piacerà la solita cravatta? E le mie sorelle? Noooo!!! Dimenticavo le mie mille amiche!!!... Ma loro hanno tutto... Uff.. Che faccio? Fortunatamente quest'anno ho la soluzione: la Lista dei Desideri di Save the Children. Infatti sono certa che scegliendo uno yak, 6 caprette, 40 polli o dei colori dal sito della Lista dei Desideri, non farò felici solo i miei cari, ma milioni di bambini che vengono supportati dai progetti di Save the Children. Cosi, se mi dovessi fidanzare, ho già un'aula di scuola pronta per il mio nuovo lui! La lista dei desideri di Save the Children. Il più bel dono da fare, ma soprattutto da ricevere.
Ambra Angiolini

Ambra Angiolini

Attrice

Quest’anno anche io farò un regalo dalla Lista dei Desideri di Save the Children e regalerò una scatola di pillole anticoncezionali, a simboleggiare la volontà di aiutare le donne e le coppie a vivere la maternità e la paternità come un’esperienza responsabile e sostenibile, perché la nascita di un figlio deve essere un evento felice e positivo.